I cavolini di Bruxelles nella cucina di febbraio

24/02/2017

I cavoletti o cavolini di Bruxelles non sono un ortaggio tipicamente italiano e, a dispetto del nome, uno dei maggiori produttori è la Gran Bretagna. Si trovano, comunque, anche negli orti italiani, soprattutto nelle regioni con clima umido e non eccessivamente caldo.

Questo cavoli in miniatura, apprezzati soprattutto per il sapore dolce e delicato, sono una miniera di antiossidanti; vengono, inoltre, considerati stimolanti per l'attività cerebrale e la concentrazione, proprietà che pare derivi dalla combinazione tra tiamina e acido folico.

Si utilizzano soprattutto come contorno. Per renderli più digeribili andrebbero scottati in acqua salata per qualche minuti. Possono poi essere ripassati in padella con un goccio d'olio e uno spicchio d'aglio o uno scalogno.